PERCORSO CORTO

  PERCORSO FONDO





percorsi BLOCKHAUS-MARATHON edizione 2020, affronteranno come prima salita il versante di Roccamorice,  sia il percorso corto, che il percorso fondo.



Accesso da Scafa/Passo Lanciano 28,9 Km

Distanza (km)

Dislivello (m)

Pendenza (%)

Scafa(106)-Lettomanoppello(352) 
6,5

246

3,78

Lettomanoppello(352)-Passo Lanciano(1306)
11,4

954

8,37

Passo Lanciano(1306)-Blockaus(2068)
11,0

762

6,93

   

 

 

Accesso da Pretoro/Passo Lanciano 21,2 Km

Distanza (km)

Dislivello (m)

Pendenza (%)

Pretoro(560)-Passo Lanciano(1306) 
10,2

746

7,46

Passo Lanciano(1306)-Blockaus(2068)
11,0

762

6,93

   

 

 

Accesso da Scafa/San Valentino 33,4 Km

Distanza (km)

Dislivello (m)

Pendenza (%)

Scafa(106)-San Valentino(429)
6,3

323

5,13

San Valentino(429)-Roccamorice(520) 
6,9

91

1,32

Roccamorice(520)-Blockaus(2068) 
19,2

1548

8,06

Itinerario A) Scafa/Passo Lanciano
Il primo itinerario parte da Scafa (106m la stazione ferroviaria, 99m il ponte sul fiume Pescara); dal centro del paese si procede brevemente verso Pescara e Chieti fino ad un incrocio (110m) dove si imbocca la strada provinciale 65 seguendo le indicazioni per Manoppello e Passo Lanciano.
Si procede in falsopiano lungo la valle del torrente Lavino fino a Pianapuccia (120m) e si attraversa il torrente su un ponte (133m) dopo il quale si comincia a salire moderatamente e si raggiunge un incrocio (277m) nella parte bassa di Lettomanoppello dove si lascia a sinistra la strada per Manoppello.
In breve si arriva nel centro storico di Lettomanoppello (352m); dopo il paese si sale con dure pendenze passando presso il Santuario dell'Iconicella (468m), si affrontano un tornante (507m) ed il successivo tornante ravvicinato e dopo l'incrocio (563m) con una stradina a sinistra altri due tornanti ravvicinati (571m e 580m).
Si continua in costa con un lungo ripido e panoramico tratto sempre esposti al sole; dopo la Fonte Pirella si supera un tornante (796m) e si procede con un lunghissimo traversone che entra nel bosco e conduce ai due tornanti ravvicinati (1074m e 1091m) in località Sant'Angelo.
In forte salita nel bosco si raggiunge Passo Lanciano (1306m) dove si incontra la strada che sale da Pretoro (itinerario B); il passo è un'attrezzata e frequentata località turistica dove si incontrano alberghi, ristoranti ed anche una provvidenziale fontana.
Si segue la strada che sale in decisa pendenza nel bosco e si affrontano 3 tornanti (1466m, 1483m, 1498m) ravvicinati tra i prati; passando tra case sparse si raggiunge un quarto tornante (1571m) in corrispondenza del quale si ignora una diramazione asfaltata.
La strada si allarga formando un ampio parcheggio (1613m) al cui termine sorge l'albergo Mamma Rosa (1637m); subito dopo si incontra a destra la strada proveniente da Roccamorice (itinerario C); si continua tra ampie praterie che in inverno diventano campi da sci; la strada risulta sempre asfaltata ma le irregolarità del fondo richiedono la massima prudenza in fase di discesa.
Si affrontano con pendenze sempre molto dure due ampi tornanti (1751m e 1782m) tra i prati e dopo un aereo tornante destrorso (1834m) si affrontano i due tornanti ravvicinati (1855m e 1868m) che conducono al rifugio Bruno Pomilio (1885m) presso il quale sorgono numerosi ripetitori; la strada aperta al traffico motorizzato termina (1894m) subito dopo il rifugio.
In bicicletta si imbocca la stradina stretta che continua ripida aggirando (1921m) il dosso su cui sorgono numerose altre antenne e sfiora la cima della Maielletta (1995m); si procede con durissimo tratto in costa fino che aggira una cima con altre antenne per arrivare ad uno spettacolare tratto sul crinale con vista sulla cima della Maiella che conduce ad una rotonda su un valico (2068m) dove termina la strada asfaltata; con 100 metri pianeggianti dal fondo cementato si arriva alla cappella della Madonnina del Blockaus (2068m); il panorama è splendido anche se spesso c'è il rischio di formazione di nuvole basse.

Itinerario B) Pretoro/Passo Lanciano
Il secondo itinerario parte da Pretoro (560m), nella valle del fiume Foro; si segue la strada provinciale 539 fino ad una rotonda (587m) dove si imbocca a sinistra la strada provinciale 220 che sale con tre tornanti (608m, 637m, 651m) prima di un lungo traversone che transita presso Casa Di Pietro (725m), Casa Simone (744m) ed altre costruzioni sparse.
Dopo il successivo tornante (833m) si transita presso Colle Sant'Andrea e si affrontano altri due tornanti; si superano altri tre tornanti nel bosco (965m, 978m e 1000m) e si lascia a destra (1016m) la stretta stradina asfaltata che in breve conduce alla chiesa della Madonna della Mazza (1020m).
Si continua a salire nel bosco affrontando altri 4 tornanti (1037m, 1073m, 1111m e 1200m) con tratti decisamente ripidi si arriva a Passo Lanciano, dove si riconnette al primo itinerario.

Itinerario C) Scafa/San Valentino
Il terzo itinerario dal centro di Scafa raggiunge un incrocio (121m) sulla statale 5, Roma-Pescara, nella parte meridionale del paese, dove si imbocca la strada regionale 487 che sale con pendenze moderate e due ampi tornanti (251m e 269m); dopo un altro tornante (351m) ed il successivo tornante si arriva ad una rotonda (392m) presso la chiesa della Madonna della Croce ed in forte salita si attraversa San Valentino in Abruzzo Citeriore (429m la piazza sulla strada regionale, 457m la parte più elevata sul colle).
Si continua a salire lasciando a destra ad un incrocio (520m) la strada per Caramanico Terme e poco dopo al successivo incrocio (529m) a sinistra il tracciato per Abbateggio; si sale moderatamente per superare il crinale al Colle di Votta (557m) e si scende ad attraversare il ponte sul Fosso Capo La Vena (495m).
Su strada stretta ai piedi di una parete rocciosa si sale a Roccamorice (520m) e si continua con salita molto dura lungo la stretta a solitaria strada provinciale 32 dapprima nel bosco e poi tra i prati; ad un incrocio (831m) si lascia a destra una diramazione per i resti della medievale Abbazia di Santo Spirito a Maiella (1130m).
Dopo una coppia di tornanti si affrontano altri due tornanti (1043m e 1067m) e si passa alla base della cima denominata Colle della Civita (1185m); si supera un altro tornante (1204m) e si aggira un crinale per affrontare una serie di 5 ripidi tornanti (1317m, 1369m, 1383m, 1422m e 1464m); si continua in ripida salita tra i prati fino a vedere gli edifici e gli impianti di risalita; si scollina al Colle Tettone (1648m) e subito dopo si sbuca sulla strada proveniente da Passo Lanciano, si svolta a destra e si affrontano gli ultimi chilometri fino al Blockaus.